Tag

, , , , , , , ,

Le parole di Clara Negro creano dipendenza. Sappiatelo.

Se “La storia dei miei giorni” vi ha conquistato, in questo nuovo e-book la vita e le vicende della nostra amata fanciulla vi appassioneranno tenendovi inchiodati dalla prima all’ultima pagina.

Il titolo – “Tracce di me. Angela vol. 2” – è già l’essenza di questo lavoro poiché in esso è racchiusa quella luce che ci accompagnerà per tutta la lettura, andando a soddisfare ogni tipo di palato.

Tutti i nostri scansare le nuvole, cavalcare le onde, puntare dritti al sole vengono raccolti in una scatola sia emozionale sia fisica da cui è possibile fare un balzo nel ieri e toccare con mano la sensazione di quando ci si rende conto che ciò che si era ha ceduto il posto ad altro, a qualcun altro.

Perché tutto incide su di noi, anche quei leggeri e quasi impercettibili cambiamenti a cui non diamo peso, dettagli che, a posteriori e osservati nel qui e ora, faranno oscillare l’equilibrio di una bilancia verso il passato vissuto ovvero verso il passato immaginato.

Attraverso gli anni descritti da Clara affrontiamo uno straordinario percorso nell’animo femminile. Siamo come una piuma che si muove disinvolta fra le inquietudini, le debolezze, i sentimenti di amore e di rabbia, l’ottimismo, le umiliazioni, la speranza.

Angela è figlia, sorella, moglie, madre, amante, amica, lavoratrice. Angela è una donna che vive le sue emozioni, le sue sensazioni e dedica ai suoi pensieri le ore notturne, tagliando fuori il sonno.

Si fa il tifo per lei e si riflette con lei. E’ un’opera partecipata questa, dove il lettore può anche decidere di non essere d’accordo con l’opzione scelta dalla protagonista, ma non può non accoglierla.

Assistiamo all’evolversi del concetto di “famiglia”, concetto che muta al mutare delle condizioni, lasciando al di là dell’ostacolo le recite e le presenze di facciata, perché la famiglia è altro: si è famiglia dentro.

Facciamo i conti con quel nodo che una donna nella sua vita adulta dovrà prima o poi sciogliere: la maternità. Essa non indossa mai gli stessi abiti e si cambia con il variare delle stagioni esistenziali, portando con sé impressioni e istinti differenti, tenendo aperta la finestra su un passato sospeso e, alla fine, vincendo.

Ogni riga è farcita di amore.

Amore per le amiche, per i ricordi di bambina, per i rapporti di infanzia allentati dal tempo, ma punto di giunzione con il passato.

Amore per la mamma, che non fa mai mancare la sua presenza – forse un po’ ingombrante – anche nelle avversità, dando valore all’esistenza e al legame di sangue.

Amore per Dario, un amore con il ‘tu’ caratterizzato da una forte vicinanza di cuore, forse non sufficiente per aiutare a nascere un nuovo destino, ma importante per farsi carezzare da un calore chiarificatore.

Angela vive il suo mondo e la sua vita in un contesto nazionale e internazionale di cui tiene conto, in un intreccio di storie avvincenti e costellate da eventi collaterali che segnano profondamente le composizioni familiari, distruggendo sì equilibri, ma generando anche nuovi stimoli sensoriali e affettivi, dimostrando che dalla sofferenza può nascere sempre un sorriso.

§ § §

Clara Negro’s words create an addiction. I warn you.

If La storia dei miei giorni. Angela vol. 1” (The story of my days. Angela vol. 1) enamoured you, in this e-book the life and the events of our loved girl will excite you from the first page to the final page.

The title – “Tracce di me. Angela vol. 2” (Tracks of me. Angela vol. 2) – is the essence of this work because in the title there is that light which will accompany us for all the read, satisfying every kind of taste.

To avoid the clouds, to ride the waves, to point towards sun are moments which we gather both in a material box and in an emotional box and from this box it’s possible to jump in the past and to touch with hand the sense to be different (what we were gave way to something else, to someone else).

Because everything influences us, as well those soft and imperceptible changes which we don’t contemplate, details that, after the event and here and now, will produce an oscillation of equilibrium of a scale towards the lived past or the imagined past.

With Clara’s description of the years, we face an extraordinary itinerary into feminine soul. We are just like a feather which moves informal between the apprehensions, the fragilities, the love feeling and the anger feeling, the optimism, the humiliations, the hope.

Angela is daughter, sister, wife, mother, lover, friend, worker. Angela is a women who lives her emotions, her sensations and she dedicates the night hours to her thoughts, leaving out the sleep.

We support Angela and we think with her. This is a participated work, where the reader is able to not agree with her, but he isn’t able to not accept her choice.

We are present at the development of family idea (“famiglia”), idea that mutates with the conditions chance, leaving beyond the obstacle the plays and the appearances participations, because the family is something else: we are a family inwardly.

We bargain for the crux that in her mature life every woman must untie: the maternity. It never wears the same clothes and it changes on varying of the existential seasons, bringing different impressions and instincts, leaving a window open on a suspended past and winning finally.

Every line is full of love.

Love for friends, for child memories, for youth relationships that are weak for the time but point of intersection with the past.

Love for the mum, who is present – maybe too much present – in the adversities too, giving value to existence and blood bond.

Love for Dario, a love with the second person singular, a love with a strong heart vicinity, maybe it’s not sufficient to help to be born a new destiny, but it’s important to have the touch of a clarifying warmth.

Angela lives her world and her life in a national and international context that she considers, in a twist of engaging stories and stories with collateral events which mark family compositions deeply, destroying equilibriums and creating new sensorial and sentimental incentives, proving that from the pain can always form a smile.

Annunci