Tag

, , , , ,

Stazione di Cossato

Sono giorni difficili questi. Giorni che seguono settimane e mesi decisamente complicati.

A volte si pensa di essere in credito con la felicità dopo quello che si è passato. Ma non è così. La vita fa il suo corso e continua a regalarti notti insonni che, sempre più spesso, diventano brevi sale da ballo per demoni senza volto.

Falsi allarmi, telefonate notturne e troppo mattiniere.

Ansiose corse in treno, battiti accelerati e piedi che corrono da soli, privi di controllo.

Vivere con la certezza che qualunque decisione, qualsiasi passo saranno quelli sbagliati e che qualcuno rimarrà deluso.

Rabbia e preoccupazione diventano compagne di viaggio e assistono corree a rapporti che cominciano a scricchiolare.

Quando tutto sembra un problema e quando la porta d’uscita sembra sbarrata dall’esterno, penso a una resa incondizionata.

Ma è un secondo, uno solo.

§ § §

These days are very difficult and they follow weeks and months very complicated.

After the trauma, sometimes I think to be in credit with the happiness. This is a wrong thought. The life runs away and it gives you sleepless nights which often become short dance halls for faceless demons.

False alerts, night and morning phone calls.

There are agitated train races, fast pulses and foot that run out of control.

Every choice, every step will be wrong and someone will be displeased.

Fury and nervousness become travel mates and the relationships start to creak.

When all is a problem and when the emergency door is closed, I imagine an unconditional surrender.

But it is a second, just one.

Annunci