Tag

, , , , , , ,

L'arcobaleno di Rimini

Le vacanze sono finite, è un dato inconfutabile, ma è bello socchiudere gli occhi e immaginarsi ancora immersi nell’ozio con la pelle baciata dal sole. Ecco perché oggi vorrei raccontarvi una storia al gusto di salsedine che addolcirà quel che resta di questa settimana di rientro.

C’era una volta una bolla di sapone così grande e così bella da contenere una spiaggia incantata dalla sabbia finissima, un cielo azzurro che più azzurro non si può, tanti pedalò messi in fila e una serie di personaggi fantastici.

Gastone, amichevolmente Gas, un simpaticissimo bulldog francese corvino che – accanto alla sua piscinetta gonfiabile – ammira con occhi innamorati la barboncina dell’ombrellone accanto. La barboncina però, conscia della sua candida bellezza, non lo degna di uno sguardo e riempie i suoi occhi solo dei colori dell’estate.

Lamberto, il cavaliere del “Lamby’s Beach” in calzoncini corti che insegna Zumba in riva al mare. E’ in grado di spronare anche i più pigri e, con il suo modo di fare, coinvolge i vacanzieri facendoli ballare al ritmo di qualsiasi genere musicale. Circondato sempre da bellissime dame che eseguono in sincrono e alla perfezione i suoi passi (tra cui la fatina Giada sempre impeccabile nei suoi costumini), fa trascorrere il tempo in allegria, mentre, con il sorriso, ci si muove divertendosi.

Ma è quando giunge la sera che i folletti dell’arcobaleno escono alla scoperto. Allestiscono DJ set luminosi che diffondono musica fino a notte fonda e creano una cornice sonora che inevitabilmente porta, mentre si ondeggia con i fianchi, ad alzare le mani al cielo e a respirare quell’aria di magia che sa di libertà. Ma non finisce qui, perché gli elfi romagnoli organizzano spettacoli pirotecnici dai mille colori che improvvisamente tingono di verde, viola, rosso e oro l’oscurità che avvolge e culla il mare. Essi sfruttano questo panorama suggestivo per organizzare eventi culturali, balere nelle piazze e mercatini dalle bancarelle colme di ogni bene.

Immersi in questo mondo dai diversi profumi, non ci si accorge che a bordo di una bicicletta sta arrivando l’uomo nero che, puntuale, soffia sulla bolla di sapone facendola esplodere e ricordando che è ora di fare rientro a casa.

Bentornati Amici!

Annunci