Tag

, ,

Scorcio di Limone Piemonte

L’emozione sgorga copiosa dai miei occhi: un anno fa il tuo cuore stanco decideva per tutti. Troppo accidentata la strada, meglio variare rotta e cambiare compagni di viaggio.

Tu sapevi che sarebbe andata così, sapevi che non avresti più fatto ritorno, sapevi che non avresti più rivisto la casa di mille sacrifici.

E così, in un giorno d’estate, prendevi la tua canna e il tuo cesto e ti incamminavi verso una nuova luce, lasciandoti il buio alle spalle e mutando per sempre la mia percezione delle cose.

In quel momento il mio mondo si spegneva.

Ciò che ero stata fino ad allora si frantumava in minuscole gemme di cristallo.

Non lo sapevo ancora, ma tutto, quel tutto che ha continuato a scorrere apparentemente uguale a se stesso, avrebbe avuto un altro suono, un altro sapore, un diverso modo di essere.

Niente sarebbe stato più come prima.

Quel dolore forte, tagliente, continuo, come di artigli incuneati nell’anima, è ancora qui, nel petto, forse meno lacerante per via della lenta cicatrizzazione, ma permanente e latentemente esplosivo.

Voglio ricordarti così, in un giorno di sole d’altri tempi, mentre, con la tua canottiera bianca e i calzoni corti, mi guardi giocare con il cane.

Ti voglio bene, Papà

Annunci