Tag

, , , , , , , , , , ,

Il pergolato

Ed eccoci al terzo appuntamento ‘Dimmi che visitatore sei e ti dirò quale mostra vedere‘. “La moda in Rocca” allestita (fino al 03 maggio 2015) all’interno del percorso visitativo (solo guidato) della Rocca medievale di Torino credo possa accontentare la donna glamour a 360°. Infatti, oltre agli abiti dell’epoca, si possono osservare da vicino gli arredi del periodo e godere dello splendore del giardino annesso. Ecco, quindi, cosa avremmo potuto vedere nel 1300-1400.

Interior Design: della sala da pranzo cattura l’attenzione l’assenza nella tavola imbandita delle forchette, considerate evocative del diavolo e, aggiungerei io, inutili dato che si mangiava con le dita (precisamente con pollice e indice). Della camera da letto sorprendente è la panca vicino al fuoco che scaldava il ‘lato a’ o il ‘lato b’ spostando un elemento di legno. Della stanza della damigella colpisce, invece, il piccolo letto, così strutturato in quanto nel Medioevo si usava dormire seduti sia perché si mangiava troppo sia perché lo stare distesi ricordava la posizione di un morto.

Outfit: che bello immaginarsi coperte dagli splendidi modelli di “Cottardita”, una veste femminile in seta impreziosita da fili d’oro o disegni o ricami caratterizzata da una scollatura generosa e da maniche dalle diverse fogge. E magari, così abbigliate, incrociare un uomo munito di “Pellanda”, indumento in lana o velluto, anch’esso dalle maniche ampie e distinto dal colletto alto. Sicuramente interessante è, infine, soffermarsi sulle differenze esistenti fra l’abbigliamento francescano e quello domenicano.

A lot of flowers: si entra in questo giardino e si vorrebbe non uscirne più. Si viene rapiti dalle suggestioni che richiamano il pergolato ricostruito, l’acqua che scorre e le aiuole perfettamente curate ricche di fiori dai vivaci colori.

La spiegazione dell’addetto che faceva strada durante la visita non mi ha entusiasmato, ma gli ambienti sono assolutamente da vedere. Si viene proiettati in un’altra epoca e ci si immagina avvolte in seta blu lavarsi le mani in una tinozza con petali di rosa e uscire poi nel giardino fiorito in una splendida giornata di primavera a godere della voce della natura.

Annunci